25 – Castità

di Carlo Cornaglia

Per effetto del sol Spirito Santo / Gesù fu concepito dalla mamma
che, pur dormendo con Giuseppe accanto, / mai si bruciò d’amore con la fiamma.
“Mio caro Beppe, non ho mai peccato / nemmeno col peccato originale
diceva al falegname un po’ arrapato / e inoltre ho un mal di testa eccezionale…”

E noi preghiamo la vergine Maria perché non faccia gran pubblicità
a quella singolare bizzarria che vien denominata castità.
E noi preghiamo la vergine Maria perché non faccia gran pubblicità
a quella singolare bizzarria che vien denominata castità.

 La beatissima vergine Maria / grazie alla Concezione immacolata
ottenne di candor la garanzia / che neanche il Parlamento ha mai votata.
Poi è arrivato Pio dodici che ha detto: / “Maria, dopo la vita fra i mortali,
sfrecciò in cielo col corpo benedetto / come Papi lontan dai tribunali.”

Ritornello

 Verginità ed Assunzione in cielo / sono con la Concezione immacolata
i tre dogmi marian, non son vangelo / bensì di fantasia grande trovata.
E non ci sono a sostegno le scritture / e nemmeno l’antica tradizione,
i tre dogmi son’ invenzioni pure / di qualche Papa in cerca d’attenzione.

Ritornello

Perciò qualche teologo un po’ audace / narra d’una Madonn’ assatanata
Che fa sesso in maniera assai vivace, / oltre a sfornar di figli una nidiata
E non è escluso capiti in futuro / che un Paolo, un Benedetto od un Cirillo
racconti che Giuseppe casto e puro / sia stato viceversa un gran mandrillo.

Ritornello

 

 

Versione stampabile Versione stampabile

Comments are closed.