Mi Sbattezzo

di Luca Rota

Son neonato, e già mi danno del peccatore / Null’ ho fatto, e mi ritrovo condannato!
La libertà m’è negata dalle prime ore, / Il mio destino oppresso  è già segnato!
E non c’è scèlta,  non c’è adesione, / Sol’obbedienza  e sottomissione !

E mi sbattezzo per uscire dal gregge, m’hanno aggregato appena nato, mica m’hanno interpellato!
Sì mi sbattezzo e insieme festeggio da sbattezzatoo la mia gioiosa apostasia

Siam uomo e donna, e la Natura  non c’ha  aiutato, / Ma una vita noi vorremmo procreare!
Un sogno che la scienza può realizzare, / E il clero invece rende anelito vietato!
Nel Magistero non c’è pietà / Ma cupa diffidenza per la civiltà!

Ritornello

Sono scienziato, sono donna o sono gay, / sono persona che bisogna disprezzare!
Messa al bando perché sono ciò che vorrèi, / Anche se non faccio danni  col mio fare
E’ ancora attiva  l’inquisizione, / Che stiano soli nella loro alienazione!

Ritornello

Son’ individuo libero e coerente, / Ma vedo intorno falsità e ipocrisia
La società  oppressa prepotentemente, / Da una divina tirannia!
Parlan di “valori cristiani” / Ma da sempre negano ì diritti umani!

Ritornello

Versione stampabile Versione stampabile

Comments are closed.