Chi sono

Mi chiamo Filippo, e mi ritengo una persona fortunata.
Nato a metà del secolo scorso, diversamente dai miei genitori e dai miei nonni non ho conosciuto guerre, ma solamente la bomba demografica che ha raddoppiato la popolazione mondiale negli ultimi quarant’anni fino agli attuali oltre 7 miliardi.

Amo la solitudine, ed è un bene per tutti perchè so di essere un po’ pedante.
Civilmente coniugato da trentacinque anni con una compagna allegra e indipendente, sono privo di istinto paterno e non reputo i miei geni tanto geniali da meritarsi la riproduzione.

Da quasi vent’anni anni, pratico il downshifting, e perseguo una migliore qualità di vita dedicandomi  prevalentemente a quanto mi piace e gratifica.
Apprezzo il fatto di disporre di un’abitazione confortevole, con acqua corrente (anche calda!), riscaldamento ed energia elettrica in ogni stanza.
Un sogno per chi ha abitato qui poco più di un secolo fa !

Di famiglia cattolica, ho gradualmente acquisito una concezione del mondo umanista che, libera da ogni sudditanza metafisica, non riconosce altro limite alla liberà individuale se non quello imposto dal reciproco rispetto  della libertà altrui.

Il mio umanesimo laico e liberale riconosce fondata l’aspirazione delle religioni di agire nella sfera pubblica e di fare proselitismo ma rifiuta la pretesa totalitaria d’imporre alla società civile precetti di fede vincolanti per tutti.

La sedicente origine divina delle religioni che interagiscono nella sfera pubblica non le esime dall’obbligo di addurre argomenti e giustificazioni a sostegno delle proprie convinzioni e comporta anche la rinuncia all’immunità da critiche, ancorchè  espresse con ironia, sarcasmo e irriverenza.

Versione stampabile Versione stampabile

Comments are closed.