Desparecido

Sparito il papa vecchio, quel tedesco, al papa nuovo appena sceso in pista
coll’eccitante nome di  Francesco domanda malizioso un giornalista:
“ Di certo saprai dirci, io confido che cosa mai vuol dir “desparecido”

“ A casa stavo , un giorno,  di Videla e il gioco mi facea delle tre carte:
io metto l’asso qui, tra “questa e quela”: in dove l’asso sta?” “ Da questa parte”
Io nunca mas me sono devertido! Quell’asso lì non c’è: desparecido!

“ E quelle madri in fila in Plaza Mayo?” “ Presi un caffè al bar di quella piazza
lo zucchero in zollette, almeno un paio, lo feci scioglier bene nella tazza,
col barman mi son tanto “devertido”: “ El sucre donde sta? Desparecido!

“Ma preparasti almeno un’omelia da legger per protesta in cattedrale?”
“ Tenevo un mio discorso in sagrestia ma un grosso sorcio, che parea un maiale,
se l’è mangiato, ammazza che “appetido”: e il mio discorso l’è “desparecido

“Potevi andare alla televisione e denunciarli in nome di quel Cristo!”
“ Volevo farlo ma la direzione mi ha messo nel programma “Chi l’ha visto?”
Io nunca mas me sono devertido: pure in tivvù io son desparecido!

Mi cercan tutti adesso nella pampa, mi cercano le madri in Plaza Mayo,
ma il nome ho cambiato e per la stampa adesso son Francesco e indosso il saio!
Io nunca mas me sono devertido: Bergoglio donde sta? Desparecido!”

|                                                                                                        Eraldo Giulianelli 05-04-2013

Versione stampabile Versione stampabile

Comments are closed.