150 esimo

 

E qui comincia la semplice canzone  / ai centocinquant’anni dedicata
dell’Italia, la povera nazione / che dall’Unto del Signor fu  governata
C’è chi sogna l’amor d’una figliola / chi all’enalotto un premio milionario
Sogna l’autore per ogni parola / il suo significato originario:
democrazia, regime, dittatura, / prescritto, assolto, corruzion, condono,
duce, premier, informazion, censura / voglian ancora dire quel che sono.

Che si trovi una scala di valori / senza troppi dubbi e confusioni
sia la musica  meglio dei clamori / la ragione  sopra le passioni,
meno pallone e più cultura / più prevosti e meno cardinali,
più spazi aperti e meno mura, / più uomini e meno caporali.
Siano più donne e meno letterine  /  più scuola, più ricerca e meno banche,
più pannelli solari e meno mine /più  cervelli  più cuor, meno palanche.

Sian più libri e meno cellulari / più attenzione all’ambiente e meno al Pil,
più legge, meno lodi e meno bari  / meno  forme e più fascino sottil.
Un lombardo al posto d’un padano / men’ampolle  e più bicchieri,
più Roma e meno Vaticano  / più cavalli e meno cavalieri.
Un lombardo al posto d’un padano / men’ampolle  e più bicchieri,
più Roma e meno Vaticano /  più cavalli e meno cavalieri.

–                                                                                        Carlo Cornaglia

D – Gm – C#dim – D  –  Bm  – Em – C#dim – D
G – A – F+G – A
(D+Gm – C#dim+D – Bm+Em – A+A7)

[CTK-Rhy 027->t=076  –  Vox 12+13]

Versione stampabile Versione stampabile

Comments are closed.