Il forchettone

“Quando uno si presentava a offrire il sacrificio veniva il servo del sacerdote, mentre la carne cuoceva, con in mano un forchettone a tre denti e lo introduceva nella pentola…
…e tutto ciò che il forchettone tirava su il sacerdote lo teneva per sè.”

(I Samuele, II, 12, 17)

Il Padreterno sempre molto attento / che il grasso bruci e mandi il suo profumo
da qualche tempo non è più contento/ c’è poco arrosto e quasi solo fumo!
E chiama il prete subito a rapporto: / “ La dose giornaliera del mio grasso
che mi si rubi io non lo sopporto, / d’incenerirti sono solo a un passo!
E non mentire: guarda che ti ho visto / con quel tuo fare viscido e sornione,
rubarmi il grasso e pure il fritto misto / con quel tuo luccicante forchettone!”

Il cancelliere-angelo sghignazza: / “ Hai fatto bene nel calcar la mano,
con questa gente occorre la ramazza!” / “ Ma questo è niente, solo un caso umano:
dei ladri veri tu vedrai la razza / quando processeremo il Vaticano!
dei ladri veri tu vedrai la razza / quando processeremo il Vaticano!

–                                                                                               Eraldo Giulianelli

 

 

D – Dsus4 – D – Dsus4 – Bm – E – Dbm7 – F#
CTK 113b -> t=094  –  Vox 12+15

Versione stampabile Versione stampabile

Comments are closed.