Il Roveto Ardente

…egli guardò ed ecco: il roveto ardente nel fuoco, ma quel roveto non si consumava…
(Esodo III,2)


Appena ritornato nella tenda / la folla gli si accalca tutt’intorno:
“Se dei peccati voi farete ammenda / sull’ultimo miracolo vi aggiorno:
per ben tre giorni son salito al monte / e al quarto la sua voce mi parlava,
veniva da un roveto a me di fronte / che tutto ardeva e non si consumava.”

Un tale chiede: “Quando sei arrivato / t’ha offerto, il Dio, almeno una frittata
per tutto il tuo digiuno prolungato / avendo fatto quella sfacchinata?”
“Ha visto ch’ero in stato d’astinenza / e m’ha trattato come un suo parente:
ha fatto comparire in mia presenza / un pentolino sul roveto ardente.

Ha fatto comparire in mia presenza / un pentolino sul roveto ardente
e un’angelo è disceso all’occorrenza / e m’ha servito due spaghetti al dente.
Ha fatto comparire in mia presenza / un pentolino sul roveto ardente
e un’angelo è disceso all’occorrenza / e m’ha servito due spaghetti al dente.

–                                                                                                    Eraldo Giulianelli

 

F#m – E – Db – D   –   G – C – F – E7

CTK-Rhy 018b -> t=112

Versione stampabile Versione stampabile

Comments are closed.