Il varo dell’arca

…fatti un’arca di legno di cipresso di trecento cubiti di lunghezza, cinquanta di larghezza e trenta di altezza…
…a piani inferiore, medio e superiore…
…io manderò il diluvio…
(Genesi VI, 14, 17)

Il Padreterno è con la fascia al petto / per la giornata storica in marina.
La moglie di Noè dal parapetto / lanciata la bottiglia (è la madrina),
s’accosta al Dio fasciato: “Se permetti / con te oserò la raccomandazione,
al mio Noè io credo che gli spetti / per questa impresa degna promozione.

Un grado d’ ufficiale di marina / per comandare questo tuo battello
o commodoro oppur guardiamarina / magari capitano di vascello.
Come ammiraglio, poi, avrà statura  / di chi comanda tutta la regata.”
“Tra poco affogherò ogni creatura / e a lui darò una carica adeguata.

Tra poco affogherò ogni creatura /e a lui darò una carica adeguata:
per questa universale fregatura / lo faccio capitano di fregata!
Si, tra poco affogherò ogni creatura /e a lui darò una carica adeguata:
per questa universale fregatura / lo faccio capitano di fregata!”

–                                                                                                       Eraldo Giulianelli

 

F#m – D – E – A  –  F#m – B – D – E

[CTK-Rhy 024a -> t=104  –  Vox 22+14]

Versione stampabile Versione stampabile

Comments are closed.