La vendita della figlia

Quando un uomo venderà la sua figlia come schiava, se essa non piace al padrone, che non se la prende come concubina, egli la farà riscattare…
(Esodo XXI, 7,8)

Il Padreterno, in una nuvoletta / chiamò Mosè e disse: “Ascolta bene
ti devo dare qualche regoletta  / coi premi, con gli sconti e con le pene.
La prima norma è questa: se hai una figlia / tu vendere la puoi a un commerciante
e quello che la compra e se la piglia / pagare ti dovrà con il contante.

Ma tu ricorda d’essere corretto / chi acquista vuole merce garantita
adatta per la notte e per il letto: / se c’ha difetti va restituita!”
Mosè risponde un po’ scombussolato: / “Qui c’è un problema d’ordine morale:
se vendo la mia figlia giù al mercato / che prezzo chiedo, dimmi, quanto vale?

Se vendo la mia figlia giù al mercato / che prezzo chiedo, dimmi, quanto vale?”
“Che il costo non sia esoso e esagerato / più o meno quanto un coscio di maiale.”
“Se vendo la mia figlia giù al mercato / che prezzo chiedo, dimmi, quanto vale?”
“Che il costo non sia esoso e esagerato / più o meno quanto un coscio di maiale.”

–                                                                                                          Eraldo Giulianelli

 

A – F#m – A – F#m   –  Ebdim – E – Ebdim – E

CTK-Rhy 024b -> t=104

Versione stampabile Versione stampabile

Comments are closed.