Lo spavento di Isacco

…poi Abramo tornò… e insieme si rimisero in cammino…
(Genesi XXII, 19)


Abramo scende giù dalla montagna / e fa ritorno verso la sua tenda,
il figlio alle sue spalle un po’ si lagna / è frastornato un po’ dalla faccenda.

E a Isacco incontro, tanto preoccupata, / si lancia Sara con ansioso ardore
e nell’abbraccio avverte una zaffata: / “Sei tu che mandi quest’orrendo afrore?”

“Vorrei veder: la lama già sospesa / me la vedevo già spaccare l’osso,
tremavo tutto quanto nell’attesa / le viscere stringevo a più non posso.

Tremavo tutto quanto nell’attesa / le viscere stringevo a più non posso.
e a un certo punto, con mia gran sorpresa / pur non volendo, me la feci addosso!”

–                                                                                                                    Eraldo Giulianelli

 

D – F#m – Bm – A  –  D – F#m – Bm – A7
Em – G – A – A7  –  Em – G – A – A7

[CTK-Rhy 008a -> t=138  –  Vox 22+14]

Versione stampabile Versione stampabile

Comments are closed.