l’Ultima Ospite

di Bruno Abietti

E quando arriverà /credo che sarò pronto
e come mia abitudine /non chiederò lo sconto,
forse soltanto il tempo /che passa tanto in fretta,
d’assaporare il gusto / di questa sigaretta.

E penserò al passato, sì/ però senza rimpianti
e a tutte quelle cose che sembravano importanti.
Per poi capire adesso / che mancan poche ore
che d’importante c’era / soltanto questo amore…

Intro x2

E tu che sei caduta / dentro la mia vita
quand’ero ormai deciso / a chiuder la partita,
a dire al mondo: “Basta! E’ finita l’attesa!
Passatemi una penna che firmo la mia resa!”

Sull’onda di un tramonto / hai fatto il sortilegio
ed in Dicembre pieno / è fiorito un ciliegio
ed io ho ricordato / nella fumosa stanza,
che male fa la paura / e persino la speranza.

Intro x2

Ma quando arriverà / adesso sarò  pronto:
in fondo non è altro / che un ultimo tramonto,
avrò come bagaglio / i tuoi occhi ed il tuo viso
e stupirò quell’Ospite con un sorriso.

Ma quando arriverà / adesso sarò  pronto:
in fondo non è altro / che un ultimo tramonto,
avrò come bagaglio / i tuoi occhi ed il tuo viso
e stupirò quell’Ospite con un sorriso

 

Intro + End

 

VoxEff= 33+14

Versione stampabile Versione stampabile

Comments are closed.